Il Capocomitiva di Bari

Benvenuti, questo è il mio primo "BLOG". Per quanti di voi che abbiano intenzione di conoscere attualità, cronaca, divertimenti e tradizioni della città di Bari e non solo. Potrete fare due chiacchiere con me lasciando i vostri commenti o consigli in maniera seria ed io saro' felice di rispondervi. Buon divertimento Amici miei. Un saluto da Sergio "Il Capocomitiva". P.s.: Per la realizzazione di questo Blog nessun pugliese è stato maltrattato......

29 settembre 2007

Questa è Bari!?Vergogna!!!!

A proposito di civiltà barese ed educazione dei nostri concittadini ho ricevuto un commento degno di ogni menzione da parte dell'amica Josie.
Ve lo riporto affinchè possiate cogliere l'amarezza nascosta in queste parole:

"""""" Sono tornata a Bari per una settimana e ho notato subito le fontane. Per dire la verita' non mi e' sembrata tanto una cattiva idea. Concordo che questi soldi sarebbero potuti essere piu' utili per altre iniziative, ma da un punto di visto egoistico e da 'turista' a me sono piaciuti. Scendo a Bari una volta l'anno e purtroppo nonostante i miglioramenti 'architettonici' gia' menzionati, vedo che la maleducazione e il provincialismo peggiorano. Mio marito e' di colore e mio figlio e' mulatto. La cafonaggine di fermarci per 'farci vedere' il bambino e i commenti dietro alle spalle mi fanno perdere la voglia di tornare. Scusami se sona andata fuori tema, va andava detto. Sono stanca di vergognarmi della mia citta' e di dover giustificare il comportamento dei miei compaesani di fronte a mio marito. Chiaramente essendo bionda con gli occhi chiari e parlando in inglese con lui, non si sognano mai di pensare che sono del posto....quindi fanno commenti a tutto spiano e varie volte mi sono dovuta mordere la lingua per non rispondergli a tono e fare 'una pagliacciata'"""".

_________

Ecco amici miei. Poche righe ma piene di importanza. Poche parole per esprimere un disagio, forse una triste realtà che si concentra attualmente tra i baresi, tra le case, fra le strade ed i quartieri di questa Città.

Una città di antica storia, di antichi imperi, di antiche sottomissioni, soprattuttutto straniere e che, manco a farlo apposta, oggi si comporta come un luogo ostile proprio verso coloro che vengono considerati "diversi".

Nel 2007 signori miei fà male, anzi malissimo sentire che certi episodi di intolleranza avvengono a pochi metri da me, da noi, da tutti voi.

Potreste pensare che queste sono parole di pura demagogia, di sciacallaggio o di circostanza. Queste invece sono parole di rabbia, di cattiveria, - e scusatemi il termine - di giramento di palle per tutti coloro che considero davvero dei grandissimi COZZALI!!!!Cozzali ed ignoranti, ignoranti e cafoni, cafoni e bestie.

Forse ci vado giu' pesante???Macchè, tanto queste persone sono abituate ad essere chiamate tali, perchè lo sono davvero e perchè si trovano bene nel loro habitat naturale, la campagna!!!!!Senza offesa per gli agricoltori, quelli seri che lavorano e buttano il sangue per far crescere i loro orti, ovviamente e che non hanno il tempo manco per divertirsi ogni tanto.

Io parlo di quella categoria di persone - leggi pure delinquenti - che a Bari servono come le zanzare d'estate, cioè giusto per dare fastidio.

Ma come si fà a giudicare e a criticare solo in base al colore della pelle?Come si fà a dire al figlio: """guarda a papà che ci sta un bimbo diverso da te!!!!"""".

Ma diverso da cosa???Anzi diverso da chi???Se me lo spiegate mi fate una grandissima cortesia.

Fino a prova contraria, se non ricordo male, proprio il Buon San Nicola aveva la pelle molto scura poichè di origine turca, non certo di italica provenienza insomma. Oggi lo venerano in tutto il mondo!!!!!Ha mai creato qualche conflitto d'interessi questa situazione???Non mi sembra proprio, anzi.

I bambini degli altri paesi europei (vedi ad esempio la Francia, l'Inghilterra, la Germania) sono da anni inseriti in classi miste. Ce ne sono di bianchi, neri, orientali, arabi, indiani etc. Nel settentrione d'Italia le classi promisque esistono pure da decenni.

Al sud, invece, le cose sono sempre piu' lente e anche l'inserimento dell'"immigrato", del "diverso" nel contesto sociale è visto come quasi una minaccia alla razza "barese"!!!!!

VERGOGNA, VERGOGNA ED ANCORA VERGOGNA!!!!!

La cosa che piu' mi fà salire il sangue agli occhi è che le battutine, le frasine buttate là, giusto per aprire bocca, vengano indirizzate non solo al papà di colore - e già è gravissimo - ma, soprattutto ad un bimbo, "reo" di avere la pelle diversa dagli "altri"!!!!

Ma dove vogliamo andare se esiste ancora questa bruttissima mentalità fra molti cittadini del capoluogo???Come possiamo guardare al futuro, alla globalizzazione, allo sviluppo del territorio, al commercio con l'estero, se ragioniamo ancora con la testa dei cafoni!!!!????

Il barese è fondamentalmente una persona buona di spirito ma ha ancora tanti e tanti difetti da correggere. Uno fra questi è la testardaggine. Dovrebbe imparare a essere meno duro di comprendorio e aprirsi di piu' alle altre società esistenti. Ricordiamoci sempre che noi baresi, pugliesi, italiani, non dobbiamo e non possiamo permetterci di fare i falsi protezionisti e conservatori per nascondere un problema reale come quello del "razzismo". La Xenofobia ahimè non colpisce poi soltanto coloro che hanno una pelle diversa dalla nostra. Xenofobo è anche colui che non sà rispettare e convivere fondamentalemte e serenamente con il "diverso", inteso non solo di razza, sesso, religione ma, purtroppo, anche con quelli che vengono definiti "diversamente abili" o "portatori di handicap". Ma questa è un'altra storia. E anche qua ce ne sarebbe tantissimo da raccontare.

Che fare???Posso permettermi di dare soltanto un piccolo consiglio a Josie, anche se certamente non ne avrà bisogno piu' di tanto: insegna a tuo figlio l'arte della pazienza, dell'indifferenza verso coloro che non meritano le sue attenzioni.

Al riguardo, cito un grandissimo verso del Sommo Poeta:

"""""Questi non hanno speranza di morte, e la lor cieca vita è tanto bassa, che 'nvidiosi son d'ogne altra sorte.
Fama di loro il mondo esser non lassa; misericordia e giustizia li sdegna: non ragioniam di lor, ma guarda e passa"""". (
Dante Alighieri - Inferno Canto III).

Non avere percio' tempo da perdere con questa gentaglia: invidiosi, razzisti, cafoni, ignoranti. Guardare e passare oltre. Misericordia e Giustizia per loro non ce n'��!!!!

Tanti Auguri cara Josie, a presto!

Etichette: , , , ,

9Comments:

Blogger La Patria Grande Caracas said...

La solidarieta' di tutti i pugliesi del Venezuela alla signora Josie. Purtroppo debbo dire che anche mia moglie, una bella mulatta "criolla", quando viene in Puglia e' guardata "con grande intensita'" Ma in fondo mettiamola cosi' (voglio essere ottimista): non si tratta di razzsimo , ma semplicemente quando in un luogo "chiuso" arriva qualcuno "diverso" attira l'attenzione. Comunque con il necessario estendersi dell'immigrazione e l'abituarsi a convivere con razze e culure "diverse" alla fine la "diversita'" sparira'.
Attilio, Pugliese del Venezuela

30/9/07 02:22

 
Blogger il Capocomitiva said...

Gentilissimo Attilio, innanzitutto ringrazio Te e Tutti gli Amici del Venezuela e della Patria Grande.
Non è assolutamente normale un comportamento simile da parte dei miei concittadini (alcuni, fortunatamente). Non stiamo parlando di alieni, di mostri marini o altre bestialità del genere. Parliamo di un comune senso di grande ignoranza che pullula tra molti baresi. E' una cosa schifosa vedere gente che magari si ferma appositamente per indicare il "diverso". Ma dove si è mai vista una cosa del genere???
Sono dispiaciuto anche per le "attenzioni" nei confronti della tua signora. Puo' darsi che magari, come tu dici, tutto cio' sia dovuto ad una forma di chiusura della mentalità di alcuni cittadini del capoluogo ma, francamente, anche se questa fosse la verità, non è una giustificazione plausibile per determinati atteggiamenti certamenti fastidiosi.
Bari con il passare degli anni si renderà che attorno ad essa le cose sono camboate e continueranno a cambiare. Altre persone di origini diversi lavorano e lavoreranno sempre di piu' in città e si amalgheranno con il resto degli abitanti. E' una cosa perfettamente normale. Lo si voglia o no.
Perchè Bari fà parte dell'Europa, senza confini di nessun genere.

30/9/07 11:31

 
Anonymous Vanessa said...

A volte è davvero vergognoso essere di Bari...

1/10/07 10:20

 
Anonymous unamela said...

Sai come si dice, no, "People are strange, when you're a stranger.." E Bari è così piccina (spregiativo, non diminutivo. Evviva tutti i colori della tavolozza divina, anyway.

1/10/07 15:19

 
Anonymous Desclaimer said...

Caro capocomitiva,probabilmente non sarai un deliquente ma sono convinto che se ti trovassi in quella situazione faresti lo stesso anche tu...come si dice in maniera spicciola "non sputare in aria che in faccia ti viene..." Non mi risulta che tu sia un uomo dalle ampie vedute!!Anzi...quindi meno ipocrisia,grazie.ATTENZIONE!non giustifico il comportamento di quei balordi ma dico che solo chi non ti conosce può abboccare al tuo finto perbenismo,grazie.

5/10/07 10:52

 
Blogger il Capocomitiva said...

Caro Desclaimer, non penso che tu mi conosca abbastanza, credo. O per lo meno se ho avuto questo piacere non ricordo di aver mai avuto atteggiamenti irriverenti nei confronti di altri cittadini stranieri. Questo blog viene letto da tanti miei amici e penso che anche loro potrebbero dire la loro su di me, senza alcun problema.
Se proprio la vuoi sapere tutta e questo lo sanno pure i muri, io sono invece contro coloro che entrando clandestinamente in Italia si mettono a delinquere!ma questa caro amico mio, è tutt'altra storia. Non si tratta di razzismo ma di una presa di posizione nei confronti di coloro che pensano di venire nel nostro Paese per fare i cavoli loro!!!
E ribadisco cha in quest'ultimo caso non è il colore della pelle o la lingua diversa il problema, ma, la prepotenza e la maniera di non ragionare di taluni cittadini immigrati. E soprattutto a me fà molto inalberare il fatto che molto spesso, dietro tanti poveri cristi che mettono a rischio la vita per venire in Italia, ci siano vere e propire organizzazioni criminali che ci mangiano sopra!
Altro che fare dell'ironia gratuita, senza contenuti e per di piu' in maniera anonima, caro Desclaimer!!!
Ti saluto.

5/10/07 15:12

 
Anonymous Cosimo said...

Capo, a tutti i possessori fasulli di prosciutti....

"CI HA PERSE U PRESUTTE!?"

Un giorno San Pietro trovò per strada un prosciutto, lo prese e lo portò a casa del Signore. Questi gli disse: "il prosciutto non è tuo, devi restituirlo a chi l’ha perduto" San Pietro rispose: "ma ghì non zacce de ci iè" (ma io non so di chi è). Il Signore disse ancora: "va per il paese e ad ogni angolo di strada grida "ci ha perse u presutte?" (Chi ha perduto il prosciutto?) San Pietro andò, con forte voce gridava "ci ha perse" e sottovoce "u presutte?" poiché non lo voleva restituire. In questo modo la gente sentiva che qualcosa era stata perduta ma non capiva cosa e non poteva reclamarla e… San Pietro tornò a casa con il "suo" prosciutto. Ma il Signore, capendo la sua malizia, gli disse: "torna di nuovo, grida più forte e il padrone del prosciutto lo troverai". San Pietro tornò per le strade, gridò forte tutta la frase e trovò chi aveva perduto il prosciutto; questi per ricompensa gliene dette una parte e così San Pietro tornò a casa contento.

Evviva i prosciutti, anche se in giro ci sono delle pessime imitazioni (molto spesso dalle sembianze umane,purtroppo)!!
Ciao Cosimo

5/10/07 17:06

 
Blogger vito said...

Così è il mondo , non solo Bari, che da questo punto di vista non è peggio nè meglio degli altri posti, lo dico per esperienza diretta.

Comunque voglio segnalare a tutti l'ultima schifezza che stanno tentando di far passare i nostri politici, una proposta di legge anti-blog che se approvata di fatto metterebbe il bavaglio a internet in Italia, si anche a te caro Sergio!

Legge anti Grillo:
"La legge Levi-Prodi prevede che chiunque abbia un blog o un sito debba registrarlo al ROC, un registro dell’Autorità delle Comunicazioni, produrre dei certificati, pagare un bollo, anche se fa informazione senza fini di lucro." "La legge Levi-Prodi obbliga chiunque abbia un sito o un blog a dotarsi di una società editrice e ad avere un giornalista iscritto all’albo come direttore responsabile."

http://www.beppegrillo.it/

http://www.repubblica.it/2007/10/sezioni/scienza_e_tecnologia/testo-editoria/testo-editoria/testo-editoria.html

19/10/07 13:18

 
Blogger il Capocomitiva said...

Stiam a ppost allor!!!!!!E' la volta buona che chiudo per tutti!!!
E che debbo fare???Mi tocca anche pagare per un blog da niente???Vuol dire che se passa sta legge prendo e chiudo tutto, pazienza. Vuol dire che si tratterebbe effettivamente di un vero e proprio bavaglio, di censura per la libertà di parola, o quantomeno di un introito in piu' appetitoso su cui potersi piombare da parte di qualcuno. CHE STORIA ALLUCINANTE!!!!Mah.

20/10/07 00:28

 

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

 
Il Capocomitiva di Bari - Il Blog dove troverai tutto sulla Citt���� di Bari, Sergio & Friends
####Buon Divertimento - Blog di Sergio il Capocomitiva di Bari####