Il Capocomitiva di Bari

Benvenuti, questo è il mio primo "BLOG". Per quanti di voi che abbiano intenzione di conoscere attualità, cronaca, divertimenti e tradizioni della città di Bari e non solo. Potrete fare due chiacchiere con me lasciando i vostri commenti o consigli in maniera seria ed io saro' felice di rispondervi. Buon divertimento Amici miei. Un saluto da Sergio "Il Capocomitiva". P.s.: Per la realizzazione di questo Blog nessun pugliese è stato maltrattato......

04 settembre 2007

Il Capocomitiva immortala la Di Martino



Grande, Grandissima, Esagerata Antonietta Di Martino, salernitana, Italiana, e soprattutto meridionale DOC.
Con la sua ultima prestazione la bravissima atleta ha raggiunto un nuovo record internazionale spodestando le altre concorrenti e piazzandosi ad un meritatissimo secondo posto nei campionati di Osaka 2007 e portando cosi' a casa una importantissima medaglia d'argento.
Dal sito http://www.gazzetta.it riporto parte dell'articolo pubblicato qualche giorno fa:
OSAKA (Giappone), 2 settembre 2007 - L'ultima giornata dei Mondiali di regalano all'Italia una medaglia che, nelle ultime settimane, sembrava insperata. Antonietta Di Martino coglie l'argento quando in pochi se lo aspettavano visto che era rimasta pressochè ferma un mese per un problema al piede di stacco. L'Italia conclude quindi il suo mondiale con 2 argenti (Howe e Di Martino) e 1 bronzo (Schwazer), in pratica confermando le 3 speranze di medaglia che esistevano alla vigilia dei mondiali.
SALTO IN ALTO Ha dovuto saltare il suo primato nazionale per arrivare a medaglia. 2.03 per la seconda volta nella sua vita, eguagliando il suo primato nazionale fatto all'Arena di Milano il 24 giugno nella finale di First League di Coppa Europa. Misura che le regala la medaglia d'argento, battuta solo dalla favoritissima croata Blanka Vlasic (2.05) che tenta anche invano di superare l'asticella a 2.10 per il nuovo primato del mondo. Ma sembra solo un appuntamento rimandato vista la facilità con cui ha superato i 2.05. Antonietta Di Martino sorprende quindi, non per il risultato e nemmeno per la misura che quest'anno aveva dimostrato di avere nelle gambe, ma solo perchè era rimasta ferma per quasi un mese a causa di un'infiammazione al piede sinistro (quello di stacco). Un infortunio che era quasi uno micro-frattura che l'avrebbe tenuta ferma molto più tempo. Un mese di arresto che le è anche servito per concentrarsi unicamente su questa gara e ritrovare forza e energia. E le ha messe tutte in pedana. Aveva cominciato subito male con un brutto errore a 1.85, poi invece una serie senza errori su tutte le misure fino ai 2 metri. Ancora un errore al primo salto a 2.03, per poi superarlo al secondo tentativo. Percorso simile anche per la russa Anna Chicherova che si prende la medaglia d���argento a pari merito con Di Martino.

__________

Eccola all'arrivo in aeroporto ieri sera. Tanta era l'emozione per il ritorno in patria dell'atleta campana. Onestamente diciamo che non ero li' per caso e ho avuto la fortuna, se non l'onore, di poter scattare un paio di foto assieme a Lei.

Fatemelo dire ragazzi, una fanciulla (classe 1978) davvero umile, modestissima e dal sorriso accattivante. Una persona che a vederla cosi' , minuta, magra, tranquilla, non la si scambierebbe mai e poi mai per una professionista di altissimo livello dell'atletica leggera e soprattutto per una saltatrice che ha guadagnato un argento importantissimo.

Tante le persone ad aspettarla e tanti ovviamente i saluti, gli abbracci e le congratulazioni dirette alla medesima sportiva. Tutti davvero meritati, non c'e' che dire.

Peccato davvero che la Di Martino non sia riuscita a strappare la medaglia piu' importante dei giochi, quella d'oro, ma, forse, è soltanto questione di tempo. Infatti, la buona Antonietta, l'anno prossimo volerà - speriamo in tutti i sensi - sui campi di gioco cinesi, in quel di Pechino 2008.

Allora resta soltanto da augurarle con tutto il cuore di fare ancora tanta ma tanta strada in salita e di continuare a vincere per noi, per l'Italia. BRAVA ANTONIETTA, Vai cosi'!!!!!!

Sergio il Capocomitiva di Bari, svolazzante per l'Italia.....che riesce a beccare anche i piu' famosi e bravi!!!!!!

Foto by: www.gazzetta.it e fotoreporter Esposito Renato.

Etichette: , , , , , , , ,

10Comments:

Anonymous Anonimo said...

04/09/2007 SPORT
Grande festa per Antonietta Di Martino

«Sarà una festa che la città non dimenticherà facilmente. Antonietta Di Martino merita questo tributo da parte dei suoi concittadini. Stiamo concordando con la nostra campionessa i tempi di questa festa di piazza», è raggiante il consigliere incaricato allo Sport del Comune metelliano, Pasquale Scarlino. La città di Cava si mobilita. C'è voglia di stringersi intorno alla sua figlia, che tanto lustro ha saputo dare alla città natale ed all'intera Italia sportiva. La medaglia d'argento ai Mondiali di Osaka deve essere festeggiata al massimo. Ieri frenetici contatti con i familiari di Antonietta, il cui ritorno a casa avverrà stanotte, causa l'ennesimo sciopero a singhiozzo del comparto aereo. Alla fine tutto rimandato a questa mattina. Incontro ufficioso e personale nel Palazzo di Città tra sindaco e campionessa, accompagnata dai suoi cari, mentre stasera quello più approfondito con il resto della Giunta e del Consiglio comunale.

La festa popolare, dopo aver sentito la Di Martino, dovrebbe svolgersi domenica. In due momenti. Il primo, nel pomeriggio, allo stadio “Simonetta Lamberti”. Si approfitterà della gara interna della Cavese per chiamare in Tribuna d'onore proprio lei, l'eroina di Osaka. Sarà la prima grande occasione per gli sportivi cavesi di tributarle il grande, caloroso applauso, segno della riconoscenza della città per le sue imprese. Poi in serata, questa volta in Piazza Abbro, l'abbraccio di tutta la vallata, simbolicamente presente nel cuore della città per un gesto doveroso e sentito. Intanto, sindaco ed Amministrazione comunale hanno fatto realizzare un manifesto di ringraziamento sul quale campeggia Antonietta nell'atto di abbattere il muro dei 2 metri e 3 centimetri e con alcuni slogan inneggianti alla grande impresa. «Fortissima...sei l'orgoglio di Cava...Grazie Antonietta». Il manifesto sarà affisso su ogni cantonata della città per far leggere alla Di Martino, al suo ritorno a casa, la voglia di tutti i suoi concittadini di festeggiare con lei.

La vicecampionessa del mondo di salto in alto troverà all'uscita dell'autostrada di Cava un maxi-striscione che “Scarlino
& co.” hanno fatto realizzare in tutta fretta, sul quale troneggia il bentornato della città al suo nuovo idolo. «Antonietta non è solo la testimonial della campagna di promozione di un’azienda dolciaria - conclude Scarlino - ma la migliore madrina della nostra città, che attraverso i suoi simboli più sani e migliori vuole promuovere la propria immagine extra moenia». Intanto, anche la Provincia di Salerno si associa ai festeggiamenti. E, nell’attesa, il presidente Angelo Villani esprime il suo compiacimento alla campionessa. «Gentile Antonietta - le scrive in una lettera - desidero farle giungere i più sinceri complimenti per l'importante traguardo raggiunto. La medaglia d'argento vinta ai Mondiali, nel Salto in alto, rappresenta una conquista fatta di sacrifici e impegno. Una vittoria che riempie il cuore di gioia di tutti gli sportivi e tiene alto il nome del nostro territorio. A nome mio personale, grazie campionessa».

Il suo allenatore ci ha sempre creduto
Ai suoi salti ci ha sempre creduto. Specialmente quando Antonietta aveva deciso di mollare. Dedicandosi con lui a tirar su nuovi talenti. Ma Davide Sessa, il personal trainer dell'azzurra medagliata ad Osaka, non riusciva a capitarsi di quella scelta: «Aveva forza, voglia, tecnica ed una caviglia malandata che le faceva vedere tutto nero. Non c'è voluto molto a convincerla: la scelta di una giusta equipe medica, la ripresa degli allenamenti ed ecco spiegato l'argento». Detta così, come la racconta Sessa, a sua volta ex atleta del mezzofondo, sembra tutto facile. Ed invece, il ritorno in pedana dopo due anni di stop non è stato affatto semplice.

«Diciamo che forse c'era un po' di ruggine da raschiare - racconta soddisfatto l'allenatore di Antonietta - ma la stoffa e la base lasciavano presagire soltanto positività. Il passaggio successivo, quello che ha portato all'argento, è stato il superamento dei 2 metri. In quella occasione mi sono sbilanciato, dicendo che aveva nelle gambe e nella testa il record della Simeoni e la possibilità di andare a medaglia ai Mondiali». Facile profeta, Davide Sessa, che adesso
guarda ad altri obiettivi. Quello a breve scadenza è il Grand Prix di fine settembre, dove si sfidano i migliori 8 atleti al mondo in ogni disciplina dell'atletica. Quello più a lunga gittata volge lo sguardo a Pechino, dove l'anno prossimo sono in calendario le Olimpiadi.

«Volevano fermarla, l’abbiamo messa in piedi»
Adesso tutti a prendersi meriti. Anche Giuseppe Fischetto, il responsabile sanitario della Fidal, che però omette un particolare di non poco conto: fosse dipeso da lui, Antonietta Di Martino ad Osaka nemmeno ci sarebbe andata. «Sì, è andata così - ammette con la solita schiettezza Vittorino Testa, il medico di fiducia dell'atleta di Cava - volevano fermarla 25 giorni per via di una diagnosi che convinceva loro, ma non me. Quando chiesi la risonanza non me la vollero dare ed Antonietta, che seguo da quando aveva 13 anni, si è fidata di me. L'abbiamo rimessa in sesto con una terapia appropriata e con un programma di allenamento specifico. I risultati sono l'argento ed una vittoria morale che non si quantifica. Questa storia dovrebbe insegnare qualcosa a noi medici: soprattutto l'umiltà. Chiedere un parere diverso, consultarsi con un collega, sono tutte cose che si fanno di norma. Non è grave sbagliare una diagnosi, può capitare a chiunque, anche se non dovrebbe. Ma non rivedere le proprie convinzioni è ancora più grave».

Ed ancora: «A quest'ora, invece di parlare dell'argento di Antonietta, staremmo curando un'atleta che necessitava solamente di guarire da una lesione ai flessori brevi delle dita del piede e niente altro. Nessuno ha voluto prendere in considerazione l'ipotesi di poter sbagliare. Meno male che Antonietta, facendo tutto di nascosto, ha tolto quel plantare che le avevano consigliato ed ascoltato una voce diversa da quella dell'ambito federale». Dove adesso Vittorino Testa è visto come un nemico dal quale guardarsi. Al punto che è pure scomparso dai titoli del sito ufficiale, pur avendo lavorato per anni alla Fidal. Poco male: il professionista angrese ha mezza medaglia d'argento al collo che divide con Antonietta.

4/9/07 20:39

 
Blogger il Capocomitiva said...

Ottime critiche per la neo campionessa che ha ancora tanto da vincere. E' giusto che la si festeggi con tutti gli onori dovuti ed assieme a Lei festeggi la sua cità e la sua gente.
Da barese comunque partecipo alla gioia dei suoi concittadini perchè ricordo che la buona Antonietta porta alta la bandiera degli azurri. Bravissima.

5/9/07 08:06

 
Anonymous Vanessa said...

Non mi dire che sei andato "apposta apposta" all'aeroporto???

5/9/07 10:39

 
Anonymous Anonimo said...

Padrino,baciamo le mani! W L'ITALIA!!!!!!! Non credevo ke un menbro della mia famiglia sarebbe andato tanto in altro!

COMPLIMENTI A TUTTI E DUE!!!!

Cmq hai capito ki sono?

Ciao Anto

5/9/07 10:58

 
Blogger il Capocomitiva said...

Cara Vanyx diciamo che ci sono andato spiantaneamente....ma ne sono rimasto davvero soddisfatto!!!!
Cia cia

5/9/07 12:11

 
Blogger il Capocomitiva said...

Ehm, ehm, no a dir la verità Anto non mi dice granchè. Antonio, Antonello, Antonella, Maschio o femmina non ho ben capito, scusami. Se poi mi fai capire chi sei te ne sarei grato.
E poi perchè Padrino!!!???Ci assomiglio???Non penso o per lo meno mi auguro proprio di no, diciamo che non è una cosa proprio bellissima di questi tempi....
Eh eh eheheheh.
Saluti e a presto!!!!!!!
P.s.: dici "un membro della mia famiglia".....vero o falso che sia delucidami perchè non ci arrivo!!!

5/9/07 12:15

 
Anonymous Investigatrice said...

Caro Serchietto, per caso non hai un parente che di salti ne fa ma anche di Scala? Forse sbaglio, ma....

5/9/07 17:46

 
Blogger il Capocomitiva said...

Si ma comunque l'importante è che mi leggano le persone. Chi sia sia insomma. Parente , amico o sconosciuto, meglio in piu' che in meno!!!!
Ciaaaaaaaaaaaaa

6/9/07 12:22

 
Blogger Leonardo said...

Ciao Capocomitiva! Ti segnalo questa iniziativa. Spero possa segnalarla nel tuo visitatissimo blog, ho bisogno di + gente :D. Grazie LEo.
Vai qui
http://torreamare.wordpress.com CIAO!

7/9/07 11:14

 
Blogger il Capocomitiva said...

Caro Leonardo, certamente la segnalo e ti ringrazio per la splendidissima visita. E' sempre un piacere avere notizie su news locali. Ahimè non posso conoscere tutto cio' che succede nelle nostre citta'!!!Grazie e torna presto.

7/9/07 19:16

 

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

 
Il Capocomitiva di Bari - Il Blog dove troverai tutto sulla Citt���� di Bari, Sergio & Friends
####Buon Divertimento - Blog di Sergio il Capocomitiva di Bari####