Il Capocomitiva di Bari

Benvenuti, questo è il mio primo "BLOG". Per quanti di voi che abbiano intenzione di conoscere attualità, cronaca, divertimenti e tradizioni della città di Bari e non solo. Potrete fare due chiacchiere con me lasciando i vostri commenti o consigli in maniera seria ed io saro' felice di rispondervi. Buon divertimento Amici miei. Un saluto da Sergio "Il Capocomitiva". P.s.: Per la realizzazione di questo Blog nessun pugliese è stato maltrattato......

03 novembre 2007

Detti baresi - Lezione di lingua


Gentili amici, buongiorno come sempre a tutti voi. Sbirciando su internet ho trovato queste bellissime frasi e detti locali che riporto molto volentieri.
Il sito da cui le ho estrapolate si chiama : http://erpatata.spaces.live.com/blog (insomma già il nome è tutto un programma....). Sono frasi molto veritiere che si possono sentire tranquillamente nella quotidiana realtà barese. Percio' se volete intraprendere un viaggio nella nostra citta o hinterland il consiglio che vi do' è quello di studiare molto bene almeno i principali detti qui di seguito indicati.....non si sa mai nella vita....le lingue oggigiorno sono importanti!!!!!!

Glossario Italiano – Barese
il sedano = u acciè
Focaccia = F’cazz
La Zucchina = La cocozz
carota = bastenac'
Le melanzane = le melengiane
piselli = p'sidde
Le percoche = L'prquech
I peperoni = l' pa’p’russ
Peperoncino piccante = Diauichk
cetriolo = u ciriol/u c'tron
Caroselli = Cucumarazz/Cap d'murt
il prezzemolo = u ptrsidd
il ravanello = u rapanidd
cetrioli pelosi = Car’sidd
Castagne secche = stragaganass
Il fico = u Fic'
Il fiorone (varietà di fichi) = U' c'lomb
Le olive = l’ auin / i Lè (Conversano)
Rape = Cimdrap
Cavoli = Cimdcol (Conversano)
Ciliegie = L’Ciras
Salsicce = Salzizz
Le seppioline = L'alliv
Mandorle = L' minuhe
La forchetta = La fr’cin
L'acqua sporca = L'aqqua lord/L'aqqua nior
Il coltello = U cr’tidd
L'occhio = U'ecchie
Il cucchiaio = La c’cchiar
Lo stuzzicadenti = U scazzacarn
Le lenzuola = L' Lnzel
Manganello = U Mazzaridd
Occhiali = l’C’necchi/l'acchial
I debiti = l’ C’ppon
Il montato (Di testa) = U D’cchiu
Lo sdentato = U Schignat
Mi sono ingrassato = M'So chiatrat
Mi sono dimagrito = M'So smazzat
Ubriaco = alluvionat/M'briac
Malato= accipinat
La corda = U Chiap
Bestemmie = Gastem
La pietra = La chianc
La bara = U tavut
Il tre ruote (veicolo) = U'trerrot
Dolci con zucchero a velo = L'sporcamuss
La birra Dreher o La Peroni = La bir Dreghèr/La Peròun
La busta della spesa = La sport’
Gli avanzi = U R’mmat
Il cesso = U pris
Ragazza alquanto brutta = Nu Scattapris
Diarrea = U Frusc
Organo genitale femminile = U P’ccion
Organo genitale maschile = La ciola
Omosessuale = R’cchion
Masturbazione maschile = Tr’mon (Conversano = Margiel)
Fellatio = chinott
il picchietto ammazzamosche = U Cazzamosc
Il padre = Uattan
Mio padre = Uattanm
Il cognato = U canat
La moglie = La M'gghier
L'amante = La comar
La prostituta = La Z'ccnedd
Il topo = La zocc'l
La fidanzata = La zit
Lo scarafaggio = la magnott (plurale i magnatt'l)
Lumache =l' Cazzavun
L’uccello = Uacidd
la tartaruga = sc'ttuscn
il tacchino = u vicc
Asino = ciucc
Bue = u’ vuv
La pulce = la puddece
Il Balcone = La Loggih
La tasca = La pald
I soldi = l’ t’rriss
Ieri = Aglir
L’altro Ieri = Nu sterz /Avantjr
Tre giorni fa = Diaterz
Domani = crè/crà
Dopodomani = pscrè/pscrà
Tra tre giorni = Ps’cridd
il settentrionale = U Giorgianis
La pancia = la vendr
La pelle = la P’decchi
Allargare = Spanecchi
Il treno merci = La tradott’
Il pulmino della fiat = U boriasch
Il vino = U’ mir
Consumare = strosc
Il lavoro = la Fatic’
Il vaso = La grast
La scatola = La buatt
La muffa = Palushnà
Fare la cresta = Fasc la ricott
Il muro = La Frabech
Il muratore = u Frabcator
Il calzolaio = u p'tak/u scarpar
Strabico = n'ecchi & n'ecchie
Coatto , cafone = U c'zzal ( Conversano = Carburator)
Fare baccano = fe la jos
Rosa = Riosa
Raffaele =F'lucc/Faiel
Nicola = Colin
Anna = Jann'
Michele = M'cchèl
Giovanni = Giuann
Giuseppe = Peppin/Mba pepp/Pinucc'
Gaetano = Tanin/Iucc
Franco = Frankin
Domenico, Mimmo = M'ngucc'
Certo ke ne hai avuti di uomini = n si fr'sciut d' purp
la cenere = la c'nis
la serratura = la n'zrrinla caffettiera = la c'clater le federe = fasc'cscin microcefalo = u capasidd di sorpresa = alla s'grtur - all anvam la culla = u uasc' il cassetto = u tratur la nervatura = la zimzifagn
Il Giocherellone = u sc'quannar
viso corrucciato = g'rdn'ziùs
il dente molare = u ganganil cerotto = u sparatrapp
il frustino = u sckriet
Il mugnaio = u mallenaar
Fianco = Quest
La trottola = u verruzze
La trottola che saltella = trappeta trappè
L'ignorante arricchito = U'czzal arrchit
I forestieri = L'ziazi'
La trottola che gira normalmente = pennidde
Baffo = m'stazz schiacciare = scacazzà davanti = facc'mbrond' maestrale = maistr'riposo = r'stor'
la teglia = la t'jedd il terrazzo = u'aschère
il vassoio = la spàs'
Persona che ha subito un pestaggio = CrsmatPersona poco raffinata = Zagn Baldoria = Gibillero Fare una papera = P’gghià nu pr’quech Sfortuna = Scmogn Tirchio = Scrzun Gira i tacchi e vattene, Stai alla larga! = Tacchiisce!!
Correre generale... = Fushafush...
Collo: u kued
Soggetto anomalo = SdreusChe bella ragazza ! = C’ Sort de perchia!
Sporcaccione, zozzo = 'nzvus (Bari), muc'taz(Conversano)
Mettere a pecorino = a scappacecer
Tiella di Patate, riso e cozze = Tegghie d'Patan, ris e cozz
Il polpo arrostito = U pulp arrstut
Il granchio al sugo = la p'los au sug
Il barbier = U'varvir
L'addetto ad accendere i fuochi = U'mest fuegh

NOMIGNOLI BARESI
Appìcce e stute: "accendi e spegni"
Vale a dire: s"infiamma subito e si calma con la stessa rapidità
Babbìssce: "mento lungo"
Brasciòle: "braciola"Nomignolo dato a persona rotondetta e pacioccona, di solito riferita i barbieri
Cacametànde, "cacamutande"Soprannome dato alla proprietaria di una cantina piuttosto sporcacciona
Canìgghie: "crusca", "lentigginoso"
Cape d'acìdde: "testa d'uccello"
Cape de pezze: "testa di pezza"
attributo alla suora o alla monaca
Carghe n gape: "carico in capo (di corna)"La definizione è molto chiara
Carnatòsre: "carne dura"
Cazze cazze: "cazzo cazzo"
venire da ingenuo, da imbecille
Caccà: "balbuziente"
Cacóne: "pauroso"
Checchevàsce": "civetta"
Cheppunìste: "debitore"
dedicato a chi contrae debiti a non finire
Chiacòne: "fico secco"
Chiangòne: "grosso masso di pietra"
Ciaciàcche. (Intraducibile)Nomignolo affibbiato a persona obesa
Cianne de le femmenìidde: "Gianni delle femminucce"Detto di tipo apparentemente innocuo che cerca di ingraziarsi le donnette prese di mira, per carpire al momento buono, qualche fuggevole concessione.
Fafellùse: "frettoloso"Si da ad uno che si muove molto e conclude poco o niente.
Fafuèche: "colui che fa fuoco", "precipitoso, sbrigativo"designa coloro che pur impegnandosi in una qualsiasi attività, con molte energie, non riescono a realizzarla
Maccaròne: "babbeo"
Mamma cinònne: "mamma piccola"Soprannome dato ad una ragazza nana
Mangia recòtte: "mangia-ricotta"Nomignolo affibbiato a protettori di prostitute
Minze chichì: "effeminato"Soprannome abbinato a chi è effeminato
Pappuìcchie: "papponcino"Diminutivo dì pappone "sfruttatore". Il lessico della mala considera, infatti, sia pappa, sia pappone, sia pappetta
Parl'e pìssce: "parla e piscia"
Si da a chi, mentre parla, spruzza la saliva sul viso dell"interlocutore.
Pedresìne: "prezzemolo"Chi va intrufolandosi in cose che non lo riguardano
Rècchièpànne: "orecchie a sventola".
Spàreme mbìitte: "sparami in petto"Indicato a donne che ostentano il seno
Spetale", "ospedale"Soprannome dato a chi aveva l"aspetto del malato cronico
Spilacicì. (Intraducibile)Nomignolo dedicato a donne che hanno capelli lisci e radi
Squagghiasòle: "rovina-suole", "perdigiorno"Soprannome molto diffuso per indicare una persona che non lavora maiossia disoccupato abituale, ma che, al contempo, cammina parecchio
U sgubbàte. (Intraducibile)Persona con spalle asimmetriche e sporgenti.
BRINDISI A TAVOLA
""""Tazze e bicchieri, salute a questi cavalieri, cavalieri e tazze, salute a questo c...... = Tazz e b'cchir, salut a'sti cavallir, cavallir e tazz, salut a'stu c.....""""
Frasi by: http://erpatata.spaces.live.com/blog (alcune le ho inserite pure io.....!!!!)

Etichette: , , , , , , ,

19Comments:

Anonymous Anonimo said...

E bravo! Però qualche pronuncia è sbagliata... Ne hai saltati alcuni... Continua così!!!!

3/11/07 13:30

 
Blogger Josie said...

BELLISSIMO! Immagina la scena, io che rido come una pazza sul divano con il portatile sulle gambe , mio marito che mi guarda sgomento - cerco di tradurre qualcosina ma certe cose non si possono tradurre! Vorrei aggiungere alla lista 'tuo padre , atta'nd - vomitare , sfaldar'- una massaia non molto brava , mennocch - un vestito molto leggero , ventrinedd .

Continua cosi' sei grande!

4/11/07 20:01

 
Blogger il Capocomitiva said...

Ehe ehehhe Grazie cara Josie, mi fa piacere che sia rimassta contenta.....

E' logico che di parole ce ne sono tante altre e non le potevo mettere tutte. Comunque mi sembra giusto che prenda a tuo marito e lo metta sotto a studiare!!!!!!!

Poi faremo la verifica dell'apprendimento!!!!!

Ciaaaaaaaaaaaaaaaaaa

5/11/07 17:41

 
Blogger Josie said...

Guarda , nonostante non abbia mai voluto che il maritino imparasse tali parole - mi sfuggono dalla bocca quando per esempio mi cade un pollo congelato sul pollicione.
E' fortissimo sentirlo dire 'U pixxxxn d'mamt' storpiato.....

5/11/07 21:19

 
Blogger il Capocomitiva said...

eheheheh, come quando qualcuno prova a dire se G nama sci' sciamaninn e se non g na ma sci' non g n sim scenn in parole del tutto incomprensibili.....


Ciaaaaaaaaaaaaa

6/11/07 14:41

 
Anonymous Cosimo said...

CAMPAGNA D'INFORMAZIONE PER IL CITTADINO BARESE:

Argomento: Gli infortuni sul lavoro
SO’ SCIUT’ ALL’INAÌL!
U’ barese. Iè fort assai!

Argomento: Il carobollette
À CHIAMAT' LA TELECÒM!
U’ barese. Ci è Crrnut’!

Argomento: La crescita zero
MAMT’ FASC’!
U’ barese. Non u’ frec nisciun’!!

Argomento: Il cittadino e le istituzioni
SO’ SCIUT’ SUS AU COMUN!
U’ barese. A’ l’ chidd’ sue!

Argomento: La prevenzione dei tumori alla mammella
MOCC’ ALL’ MENN’!
U’ barese. Jè nu’ chiavc’!

Argomento: Il mese della prevenzione della vista
JAPR’ L’ECCHIE!
U’ barese. Jè nu’figgh’ d’ zocc’n!

Campagna promossa dall’ EAAP contro gli sprechi dell’acqua.
ACHIUD’ L’ACQU’!
U’ barese. Jè ù meggh!

Campagna promossa dall’AMIU sulla pulizia della città
C’ SORT’ D’ RMMAT’!
U’ barese. Non jè nù inzvus’!

Campagna promossa dall’AMTAB
VA’ A STRAZZ’ L’ BIGLITT’!
U’ barese. Jè nu’ dritt’!

Beh...solo il dialetto barese può rendere meglio il senso, no?
Un saluto da Cosimo

7/11/07 11:00

 
Blogger Leonardo said...

ciao capocomitivaaaa! Divertente questo post! Quasi quasi copio/incollo qualcosina e la metto nel blog di torre a mare! Beh ti saluto e ti aspetto sul mio blog! CIAOOO

torreamare.wordpress.com

8/11/07 09:30

 
Anonymous Cosimo said...

Questa sì che è musica per le mie orecchie..

Carna triste non la vole u diàue e manghe Criste
(La gente cattiva non l'accetta nemmeno Dio)

Ce bedde uè parè u uess pezzidde t'àv'a duè
(Se vuoi migliorare, specie nell'aspetto fisico, devi fare molti sacrifici)

Nessciune nasce ambarate
(Chiunque ha bisogno di imparare)

Sanda Tarese pagò pe sendì e iì sèndeche ndune
(Santa Teresa pagò per sentire e io sento gratis; ossia: è meglio che taci poiché dici cavolate)

'U tavute non tene le palde
(La bara non ha tasche; ovvero Una volta morto i soldi non servono).

Nu tuffê do, nu tuffê dà, fing alla finê ngê'la ma fà
(Riusciremo con calma)

U pulpe se cosce iinda all'àcqua so stesse
(Il polpo si cucina nella sua stessa acqua)

Dalle e dalle che se chieche u metalle
(Chi la dura la vince)

Si fatte la fegura to!
(Hai fatto la tua figura)

Facime la fine de le scarcioffe'
(Facciamo la fine dei carciofi)

Si cadutê da jind'au littê'
(Sei caduto dal letto)

Passatê u sande passate la feste!
(Ogni cosa a suo tempo)

Ammandìneme ca t'ammandenghe!
(Mantienimi che ti mantengo)

Stame sott'au cìele!
(Siamo sotto al cielo)

E iune!.....disse cudde ca cecò l'ècchie a la megghiere'
(E uno!...disse quello che cecò un occhio alla moglie)

Mazze e paneddê fàscene le fìgghie bedde; pane senza mazze fasce le fìgghie pazze
(Bastone e pane fanno i figli garbati, pane senza bastone rende i figli sgarbati)

U Padreterne da u pane a ci non tene le dìendê!
(Il Padreterno dà il pane a chi non ha i denti)

Ci tene pane non tene dìende, ci tene dìende non tene pane
(Ad ognuno manca qualcosa che ha l'altro)"

Ci sckute ncìele mbacce le vene
(Non sputare in cielo, poiché ti tornerà in faccia)

La cere se strusce e la pregessione nan camine'
(Le risorse si consumano, ma il risultato non si vede)

Sciame a scette la sccosce
(Andiamo a buttare l'immondizia)

L'àcqquê iè picche e la papêrê nan gallegge'
(L'acqua è poca e la papera non galleggia, usato per indicare una qualsiasi intenzione che non può andare avanti per mancanza di possibilità)

Jè bell la pulizie, dcie cudd ca s jrò l mutand all'ammers!!!
(È un sollievo essere puliti, disse colui che indossò le mutande al contrario)

U vov discj crnut o ciucc!!!
(Il bue disse cornuto all'asino)

Di a dà l schcaf a du a du fin a che non dvendn dispr!!!
(Ti tiro i ceffoni a due alla volta fino a che non diventano dispari)

Va a pigghj a schcaf l marang p fal dvndà rus!!!
(Vai a prendere a schiaffi le arance per farle diventare rosse)

A scanjat caz p fcaz e chigghiun p lambashun!!!
(Hai scambiato cazzi per focacce e coglioni per lamponi. Hai preso fischi per fiaschi)

U uòmmene da la tèrre vène a la tèrre se ne và.
(L’uomo dalla terra viene e alla terra va)

Oggnùne tire l’àcquè a la vìa so.
(Ognuno tira l’acqua al suo mulino)

Arrèvate a la quarandìne lasse la fèmmene e ppìgghie la candìne.
(Arrivato ai quarant’anni lascia la compagnia delle donne e frequenta quella degli amici)

Le dìscete de la mane non zzò ttutte euàle.
(Le dita della mano non sono tutte uguali)

O uòmmene sènza varve e a ffèmmene senza fìgghie, non zi scènne né pe piacère né pe chenzzìgglie.
(A giovani inesperti e donne senza figli non andare a chiedere consigli: non hanno esperienza)

Na porte s’achiùte e ccìinde se iàbbrene.
(Una porta si chiude e cento se ne aprono)

U cemmerùte e ggamme settìle, non iè iòmmene pe ffà le file.
(Il gobbo con gambe sottili non è uomo idoneo per fare figli)

Nessciùne zzèppe iè dritte.
(Nessuno zoppo è dritto - chi ha difetto fisico ha difetti nell’animo)

Iòmmene pelùse iòmmene ferzzùse.
(Uomo peloso uomo forte)

U lènghe iè bbuène a ccògghie fiche, e u curte pe marìte.
(L’uomo alto è buono per cogliere fichi, il basso è buono come marito)

U muerte iè muerte, penzame a le vive.
(Il morto è morto, ora pensiamo ai vivi)

Ci tratte se mbbratte.
(Chi tratta con lo zoppo impara a zoppicare)

Nessciune nasce ambarate.
(Nessuno nasce istruito)

Cê non vole fà nu chilometre ne fasce du.
(Chi non vuole fare un chilometro ne percorre due)

U sàzie non crede au desciune.
(Il sazio non crede all'affamato)

Non si sckut iinde o piatt addò te si strafquate
(Non sputare nel piatto da dove hai mangiato a sazietà: usato per chi parla male di qualcosa che gli ha permesso di vivere ad esempio un vecchio posto di lavoro)

Ce Criste vole arroste l'ove
(Se Cristo vuole arrostisce le uova; ovvero Se Dio vuole può tutto, perfino arrostire le uova, cosa decisamente impossibile)

Na parole ié picche e due so assai
(Una parola è poca e due sono troppe: usato per dire a chi parla troppo, di stare zitto)

"Uè facce da du de novembre!!
(Faccia da due novembre - ovvero faccia estremamente triste o brutta)

"Uè facce da cicche e ciacche!"
(Faccia da schiaffi!!!!)

" Iapre l'ècchie, ca ad achiùde non nge vole nudde!"
(Apri gli occhi,perché a chiuderli ci metti poco,ovvero stai attento)

"Megghj nu quindal n'guedd che nu quind n'gul"
(Meglio un quintale sulle spalle che un quinto -200g- nel deretano)

"Tre so' le cap' sant': le femn, l' terris e l' pulp arrizzat!"
(Tre sono le cape sante: le donne, i soldi e i polpi arcciati!)

Sì capait?
Ciao Cosimo

8/11/07 16:08

 
Anonymous Cosimo said...

Immaginiamo di tradurre nel nostro dialetto barese una famosa poesia dantesca e vediamo un po' cosa vien fuori..

Poesia:
GUIDE, JE VLESSE CA' TU LAPE (Elkann, percaso?) E JE

Guide, je vlèsse ca' tu e Lape e je fosseme pigghjate p'incantamende
e mise jinde à nu vascèlle,
ch'ad ogne vinde pe mmare scesse à volère vostre e mì;
sì ca' fertune, o alde timbe rìe
non ge ptesse dà impedimjnde, anze,
à vive semme jinde a nù talende,
à stà 'nzime crescèsse u desederje.
E donna Vanne e donna Làgie po',
che chedda ca je sòp o' nùmere de le trende,
che nù mettesse u bbune incantatòre:
Ppe' cusse à ragionà semme d'amòre,
e ciascune de chesse fosse chentende,
sì accome je crèdeche c'à ma jesse nù.

Poesia:
GUIDO, VORREI CHE TU LAPO ED IO

Guido, i'vorrei che tu e Lapo ed io fossimo presi per incantamento,
e messi in un vasel ch'ad ogni vento
per mare andasse a voler vostro e mio
sì che fortuna, od altro tempo rio
non ci potesse dare impedimento,
anzi, vivendo sempre in un talento,
di stare insieme crescesse 'l disio.
E monna Vanna e monna Lagia poi,
con quella ch'e sul numero de le trenta,
con noi ponnesse il buono incantatore:
e quivi ragionar sempre d'amore,
e ciascuna di lor fosse contenta,
sì come i' credo che saremmo noi.
DANTE

Nonostante qualche mia imprecisione dialettale, devo dire che è la poesia diventa più piacevole, non credi?
Ciao Cosimo

9/11/07 13:44

 
Blogger il Capocomitiva said...

Grazie al caro Cosimo arricchisco il mio bagaglio culturale, almeno per quanto riguarda il dialetto barese!!!!
Come sempre un attento e grande sostenitore del mio blog!
Un grande grazie caro Cosimo.

9/11/07 18:05

 
Anonymous Cosimo said...

Ieri m'è capitato di leggere qualcosa su un grande uomo, ahimè scomparso da poco tempo, Enzo Biagi, un cultore della lingua italiana, molto affascinato dal nostro sud al punto di parlarne nei suoi libri.Mi sono piaciuti alcuni dei suoi aforismi che penso rispecchino ciò che ci circonda e vorrei farteli leggere:

- Era così ignorante che credeva che la cedrata fosse un'opera minore del Tassoni.
- È difficile non desiderare la donna d'altri, dato che quelle di nessuno, di solito, sono poco attraenti
- Ho sempre creduto che, se c'è un posto al mondo dove non esistono le razze questo è proprio l'Italia: infatti le nostre antenate ebbero troppe occasioni di intrattenimento
- La società è permissiva nelle cose che non costano nulla
- Dopo tre apparizioni in video, qualunque coglione viene intervistato, dice la sua e anche quella degli altri
- Le verità che contano, i grandi principi, alla fine, restano sempre due o tre. Quelli che ti ha insegnato tua madre da bambino
- A Milano gli affari si combinano con un colpo di telefono, a Palermo anche con un colpo di lupara
- I giornali sarebbero ansiogeni? Ma la Bibbia non comincia forse con un delitto?
- Credo che la libertà sia uno dei beni che gli uomini dovrebbero apprezzare di più. La libertà è come la poesia: non deve avere aggettivi, è libertà
- L'uomo, qualche volta, è come le scimmie: ha il gusto dell'imitazione.
- Credo nella libertà di espressione, cioè giornali e televisioni liberi di criticare il potere.
- Nella storia dell'umanità non cala mai il sipario. Se solo ci si potesse allontanare dal teatro prima della fine dello spettacolo.
- Si può essere a sinistra di tutto, ma non del buon senso.

Ed aveva proprio ragione..
Ciao Cosimo

16/11/07 16:49

 
Anonymous Cosimo said...

Ho trovato una versione in barese della famosa "'A livella" di Totò e te l'ho girata.

Ogne anne, 'u du novembre,ce sta l'usanze
pe le muerte de scì au Cambesande.
Ognejune l' ava fa chessa crianze;
ognejune 'u ava ave' cusse penzìere

Ogne anne, puntualmende, chessa scernate,
de chessa triste e meste usanze,
pur ji ce vogghe, e che le fiùre addobbe
'u locule de marme de zi' Vincienze.

Cusse anne m'è seccisse 'n avvendure
dope ca so fatte 'u triste omagge.
Madonne! ce 'nje penzeche, ce pavure!,
ma dope me facibbe chiu' coragge.

'U fatt je cusse, stat'me a sendi':
jer' quase 'llora de la chiusure:
ji, musce musce, steve p'assie
scettànde 'u uècchie a qualche sepolture

"QUI DORME IN PACE IL NOBILE MARCHESE
SIGNORE DI ROVIGO E DI BELLUNO
ARDIMENTOSO EROE DI MILLE IMPRESE
MORTO L' 11 MAGGIO DEL '31".

'U stemme che la corone sop' a tutte
sotte 'na grosce fatte de lambadine;
tre mazze de rose ch 'na strisce de lutte:
cannele, candelotte e se' lumine.

Proprie apprisse a la tombe de stu segnore
'nce steve 'n alda tombe piccinonne,
abbandenate, senza manche 'nu fiore;
che sope, solamente 'na groscette .

Sop'a la grosce appene se lescève:
"ESPOSITO GENNARO - NETTURBINO":
chiamendannele, ce pene me faceve
cusse muerte senze manghe 'nu lumine!

Questa è la vita! 'ncape a mè penzave
c' ava avute tante e c' non tene nudde!
Cusse povere criste s'aspettave
che pure 'o ualde munne jer' pezzende?

Mentre penzave jinde a mè a 'sta cosa
s' jer' fatte quase menzannotte,
e je remanibbe chiuse priggioniere
muerte 'd pavure...'nnanze a le cannele.

Tutte 'na botte, ce vegghe da lendane?
du' ombre s'avvecenavene dalla vanna' mè
Penzabbe: cusse fatte a mè m' pare strane
Stogghe scetate...dormeche o j'è fantasie?

Ma quale fantasie.. jeve 'u Marchese
che la tubbe, 'a caramelle e cu' pastrane;
cudd'alde apprisse a jidde 'nu pezzente;
tutte fetende e che 'na scope 'mmane

E cudde cèrtamènte j'è don Gennare
'u muerte poveridde..'u spazzine.
Cusse fatte a me non pare proprie chiare:
so' muerte e se retirene a chess'ore?

Quanne arrevarene da mè a 'nu palme
'u Marchese se fermo' de botte,
se veldo' e musce musce...calme calme,
decette a don Gennare: "Giovanotto"

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, si, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente"

"Signore Marchese, la colpe non è la me'
je nun v'avesse fatte maje cusse terte;
'mghiereme je state a ffa' chessa strunzate
je ce peteve fa' ce jeve muerte?

Se jer' angore vive ve facesse chentente,
peghiave la cascetedde che l' quatt'òssere
e probie mò, jinde a cusse istannde
me scaffasse inde a 'n alda fosse".

"E cosa aspetti, oh turpe malcr'eato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

Famme vedè... de cose sì capasce...
Addavere, Marchè, me so scucciate
a sendirte; e ce pèrdeche pure la pascenze,
me scordeche ca so' muerte e so' mazzate!...

Ma ce te cride d'essere...Gesu Ccriste?
Dò jinde, 'u si capita o no' , ca simme eguale?...
... Muerte si' tu e muerte so' pur' io;
simme tutt' 'le stesse tale e quale".

"Lurido porco!...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Ma quale Pascque...Natale e Bfanie...
T'u 'uè scaffa' 'ncape.. indo' cervidde
cà si malate ancore de fantasie?
la morte 'u sa' ce je'?...è una livella

'Nu rre, 'nu maggistrate, nu grand' omme,
passate stu canciedde ha fatte 'u punte
ha perdute tutt, la vita e ppure 'u nome:
non t'u si' fatte ancore cusse cunte?

Perciò, stamme a ssenti'...nu sì' facenne 'u sceme
sopportame vicine..ce t 'mborte?
Chisse pagliacciate le fascene sule le vive:
'nuje sime sèrie' ... appartenime a' morte!"

Il dialetto barese è unico!
Ciao Cosimo

16/11/07 16:59

 
Anonymous solieut said...

Meraviglioso ... sono in ammirazione dei vostri dialetti... da noi in francia ci sono modi di parlare ma non sono dialetti... peccato che non saprei pronunciare leggendo di paura di fare sbagli ...
grazie per queste lezioni...
mi piacerebbe tanto conoscere un dialetto ma penso che non mi sia possibile essendo straniera... lo avete nel sangue nella mente e nel cuore e lo fate respirare ogni giorno...
fortunati voi...

16/11/07 21:49

 
Blogger il Capocomitiva said...

Cara amica italo francese eppure il nostro dialetto trae origine proprio dalla lingua francese. Eh si, infatti come puoi aver notato i baffi, ad esempio, vengono chiamati m'stazz, in francese moustaches, quindi l'assonanza ci sta tutta. Oppure la scatola, la buatt, in francese la boite. Possiamo andare avanti con tantissimi altri vocaboli e vedrai che ho ragione.
Quindi amica mia, benvenuta a Bari seppure con lo spirito e non fisicamente!!!!
W la France et w l'Italie!!!!
Aurevoir!

17/11/07 13:14

 
Anonymous Iltas said...

Quello è il blog del mio amico Max!!!
Ha chiesto consulenza al sottoscritto per scriverle...ahahaha.
Fantastico, oh fai un salto sul mio blog http://iltas.spaces.live.com
Vediamo se ci organizziamo per farci promozione a vicenda...

3/12/07 12:19

 
Anonymous Anonimo said...

sei fantastico mi sembra di rivivere nella mia terra grazie.

5/5/08 10:15

 
Blogger marino said...

mio figlio deve fare un compito a scuola, e tradurre....

nzieme all' arue e la vammasce....


le coccette e le ragoste....

che significa ?????

30/12/10 15:54

 
Blogger Maria Teresa Mossa said...

Bellina 'sta cosa!!! Già che ci siete mi potete spiegare xké si dice "L'muert a dudc"? Cioè, xké proprio il 12?? Si riferisce agli apostoli? Ai mesi? Grazie in anticipo!

7/1/14 05:49

 
Anonymous Vito said...

Peccato che le parole vengano spezzate o meglio non terminate. Le parole in vernacolo barese, terminano, al 95% con la "e", mentre mi accorgo che nessuna parola ha la "e" finale ad esempio: Il vino = U’ mire
Consumare = strusce
Il lavoro = la Fatiche
Il vaso = La graste
La scatola = U buatte
La muffa = Palusce
Fare la cresta = Fasce la ricotte
e non come erroneamente riportato in elenco. Certo non voglia essere un riprendere o un appunto, ma solo una considerazione più esatta del vernacolo.... Scusate e buon proseguimento.

22/7/14 20:04

 

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

 
Il Capocomitiva di Bari - Il Blog dove troverai tutto sulla Citt���� di Bari, Sergio & Friends
####Buon Divertimento - Blog di Sergio il Capocomitiva di Bari####