Il Capocomitiva di Bari

Benvenuti, questo è il mio primo "BLOG". Per quanti di voi che abbiano intenzione di conoscere attualità, cronaca, divertimenti e tradizioni della città di Bari e non solo. Potrete fare due chiacchiere con me lasciando i vostri commenti o consigli in maniera seria ed io saro' felice di rispondervi. Buon divertimento Amici miei. Un saluto da Sergio "Il Capocomitiva". P.s.: Per la realizzazione di questo Blog nessun pugliese è stato maltrattato......

02 agosto 2008

Detti baresi parte II - La vendetta....

Amici miei buongiorno a tutti voi. Dopo aver sguazzato in lungo ed in largo su internet, ho scovato, sul sito del mio amico Toni (http://circotonio.altervista.org/home.htm, logicamente entrato d'autorità a far parte dei miei siti preferiti!) questi bellissimi detti baresi che vado ad aggiungere a quelli che, già a suo tempo, inserii sul mio blog. Credo che sia sempre doveroso aggiornare il mio spazio virtuale con quelle che reputo le fondamenta della tradizione popolare barese.
Ecco dunque altre bellissime espressioni dialettali piu' o meno ancora utilizzate ai giorni d'oggi:

Buon divertimento e, mi raccomando, seguite le istruzioni!!!
DETTI, PROVERBI E MODI DI DIRE BARESI
(Istruzioni per l'uso: per una lettura scorrevole e corretta non pronunciare mai la (e) non accentata.)

AMICIZIA

A l'amisce non ze fasce mà a credènze.
Agli amici non si fa mai credito.
Amisce che ttutte, fedéle che nessciune.
Amici con tutti, fedele con nessuno.
Ci che u-amiche se chenfite, s'acchie sémbe m-mènze o ndriche.
Chi si confida con l'amico, si trova sempre in un pasticcio.
Da nande t'avandene, da dréte te tagghiene.
Davanti ti vantano, da dietro ti tagliano (criticano).
Lassa pèrde a cci non déne nudde da pèrde.
Lascia perdere chi non ha nulla da perdere.
Quande ié bbèlle u care amiche acquanne nge dà; acquanne non nge dà, te cande tutte le defìitte ca non à.
Quanto è bello l'amico quando gli dai; quando non gli dai ti canta tutti i difetti che non hai.


AMORE - GELOSIA - UOMO - DONNA - MATRIMONIO

Acquanne la mésérie trase de la porte, u-amore iésse da la fenéste.
Quando la miseria entra dalla porta, l'amore esce dalla finestra.
Acquanne la vidue se marite, nonn'è amore, ma ié preddite.
Quando la vedova si marita, non è amore ma prurito.
Ch'u cavadde u sprone, che la megghiére u bastone.
Con il cavallo lo sprone, con la moglie il bastone.
Ci te vole bbéne, apprisse te véne.
Chi ti vuol bene, appresso ti viene.
De Vènere e de Marte non ze spose e non se parte.
Di Venere e di Marte non si sposa e non si parte.
La bellézze ié ccome o ffiore: picche cambe e ssubete more.
La bellezza è come il fiore: poco dura e subito muore.
Fémne e mmìire lévene le penzìire.
Donne e vino tolgono i pensieri.
Finguande la bbélle ié ammerate, la bbrutte ié ggià spesate.
Fin quando la bella è ammirata, la brutta è già sposata.
Iè mmégghie nu marite bbrutte ca none nudde n-dutte.
E' meglio un marito brutto che niente affatto.
La bbionde pe vedé, la bbrune pe spesà.
La bionda da vedere, la bruna da sposare.
La fèmne asseduate spacche u solde.
La donna ordinata spacca il soldo (è parsimoniosa).
La fèmne non vole penzìire.
La donna non vuole pensieri.
La fèmne sèmze amore ié nu ffiore senza addore.
La donna senza amore è come un fiore senza odore.
Lendane da l'ècchie, lendane d'o core.
Lontano dagli occhi, lontano dal cuore.
Mègghie nu male marite ca na male vecine.
Meglio un cattivo marito che una cattiva vicina.
U-amore asscènne e non zale.
L'amore scende e non sale.
Le fèmne e le pecceninne ànne a parlà acquanne pisce la gaddine.
Le donne e i bambini devono parlare quando la gallina orina.
Zit'abbaggnate, zit'affertenate.
Sposa bagnata, sposa fortunata.
Doppe le chembitte ièssene le defìitte.
Dopo i confetti escono i difetti.
U-amore de lìitte fasce scherdà u-amore de pìitte.
L'amore di letto, fa scordare l'amore del petto.
Vogghie de megghière, dogghie de marite.
Voglie di mogli, doglie di marito.


CASA E PARENTI

Le scarpe so ccome a le parìinde: cchiù so strètte e cchiù fascene male.
Le scarpe sono come i parenti: più sono stretti e più fanno male.
Ci non ganosce u-attane, canosce u figghie.
Chi non conosce il padre, conosce il figlio.
Le figghie femmine so cambiale.
Le figlie femmine sono cambiali.
Na case sènza fèmne iè na varche sènza temone.
Una casa senza donna è una barca senza timone.
Figghie peccenunne, uà peccenunne; figghie granne, uà granne.
Figli piccoli, guai piccoli; figli grandi, guai grandi.

ESPERIENZA - ACCORTEZZA

Accome spìinne, mange.
Come spendi, mangi.
Ci accatte av'a tenè cìind'écchie.
Chi compra deve avere cento occhi.
Ci gote n-gevendute, patissce a la vecchièzze.
Chi gode in gioventù, patisce in vecchiaia.
Ci non zape servì, non zape acchemmannà.
Chi non sa servire, non sa comandare.
Ci sémbe pènze ièsse matte.
Chi pensa sempre diventa pazzo.
Ci sta citte citte, iè bbrutte siggne.
Chi sta zitto zitto, è un brutto segno.
Mange e bbìive a gguste tù, ma vìistete a gguste de l'alde.
Mangia e bevi a gusto tuo, ma vestiti a gusto degli altri.
U besciarde, na volde ca disce la vertà, non è credute.
Il bugiardo, una volta che dice la verità, non è creduto.
U cudde c'avanze terrise, te préche la vite.
Colui al quale devi dei soldi, ti prega la vita.
U tacé vale na doppia resposte.
Il tacere vale una doppia risposta.
A ddisce, tutte bbrave sime.
A parlare, tutti siamo bravi.
Ce la mmidie fosse ruggne, s'aggnèsse BBare e ttutte Meduggne.
Se l'invidia fosse rogna, si empirebbe Bari e tutta Modugno.
Ce ué cambà biate, non zì penzanne o passate.
Se vuoi vivere beato, non pensare al passato.
Chenzigglie ca non ze paghene, non ze séndene.
Consigli che non si pagano, non si ascoltano.
Ci auuande apprime, auuande do volde.
Chi prende per primo, prende due volte.
Ci nom barle non snagglie.
Chi non parla non sbaglia.
Ci non accétte, non mmèrede.
Chi non accetta, non merita.
Ci prime t'allisce, po te pisce.
Chi prima di liscia, poi ti piscia.
Fedasse ié bbuéne, non vedasse ié mmégghie.
Fidarsi è buono, non fidarsi è meglio.
Ianema nétte, non déme vendétte.
Anima pura non teme vendetta.
La speriénze vale cchiù de la ssciénze.
L'esperienza vale più della scienza.
Mégghie mmidie ca piatà.
Meglio invidia che pietà.
Nom bote scì sémbe dritte.
Non può andare sempre dritta.
Non ze candanne vettorie prime d'u tìimbe
Non cantare vittoria anzi tempo.
Oggn'e saggerazzione non é bbone.
Ogni esagerazione non è buona.
P'oggn'e ccose s'acchie la drètte.
Per ogni cosa si trova il rimedio.
P'oggn'e sbagglie asiste na scuse.
Per ogni sbaglio esiste una scusa.
Pìinze a mmale ca véne a bbéne.
Pensa a male che viene bene.
U prise, cchiù u aggire, cchiù fète.
Il cantero, più lo rimesti, più puzza.
U seggnore av'a nassce seggnore!
Il signore deve nascere signore!
Addò non zì mbetate, da ciucce se apprezzate.
Dove non sei invitato, come asino sei considerato.
Amminde nnanze pe non gadè.
Buttati avanti per non cadere.
La bbona parole monge, la triste ponge.
La buona parola munge, la triste punge.
LA lèngue abbatte addò u dénde dole.
La lingua batte dove il dente duole.
Nu pile de fèmne tire nu basteménde.
Un capello di donna tira un bastimento.
Perdùune all'alde assà, a tté mà.
Perdona agli altri assai, a te mai.
U negozzie ca non ze fasce ié u megghie.
L'affare che non si fa è il migliore.
V'icchie e frastìire poddene disce chèdde ca volne.
Vecchi e forestieri possono dire quello che vogliono.

ECONOMIA - RICCHEZZA - POVERTA'

Le terrise vonne e vvénene.
I soldi vanno e vengono.
A na lire a la volde se fasce u megglione.
A una lira alla volta si fa il milione.
Ch'u male affare nge remitte ngìinze e capetale.
Con il cattivo affare ci rimetti incenso e capitale (sia sentimentalmente che materialmente).
Ci téne tazze, téne becchìire.
Chi ha tazze, ha bicchieri.
U ssolde tunne aggire u munne.
Il soldo tondo gira il mondo (in contanti si può girare il mondo).
Ci iè rricche poverìidde se fasce.
Chi è ricco fa credere di essere povero.

GUAI - VITA - MORTE

A pagà e a merì sta sémbe timbe.
Per pagare e per morire c'è sempre tempo.
Ci cambe a la speranze, desperate more.
Chi campa alla speranza, muore disperato.
Ci more allasse tutte.
Chi muore lascia tutto.
Decì la morte: "Addò ffusce?"
Disse la morte: "Dove scappi?".
La morte non vasce le cose ggiuste.
La morte non fa le cose giuste.
Mange, c'à dda iésse mangiate.
Mangia, che sarai mangiato.
Morte, a iune a iune se le porte.
Morte, a uno ad uno se li porta.
Na volde se cambe
Una volta si vive.
Non de facénne granne sope a le desgrazzie de l'alde.
Non ti fare grande sulle disgrazie degli altri.
Pigghie la vite accome véne.
Prendi la vita come viene.
Pigghiete a pavure de le vive e nno de le muèrte.
Abbi paura dei vivi e non dei morti.
Pigghiete la scernata bbone ca la malaménde no mmanghe mà.
Goditi la giornata buona che la cattiva non manca mai.
Povre a cci more, ca ci cambe se chenzole.
Povero chi muore, che chi campa si consola.
Sope a le uà de l'alde tutte bbrave sime.
Sui guai degli altri siamo tutti bravi.
Se sape addò se nasce, ma non ze sape addò se more.
Si sa dove si nasce, ma non si sa dove si muore.
Vécchie ié ci more apprime.
Vecchio è chi muore prima.
STUPIDITA' - AMAREZZA - IRONIA
Busse a denare e responne a bastone.
Bussa a denari e risponde a bastoni (quando si vuol sottolineare che il proprio interlocutore cerca di deviare il discorso).
Ci téne mange e ci non téne mange de cchiù.
Chi possiede mangia e chi non possiede mangia di più.
La bellèzze non dà a mangià.
La bellezza non dà da mangiare.
La canarute vole stà nginde, la sciosciue vole allattà.
La golosa vuole essere in cinta, la sciattona vuole allattare (ognuno trova il modo per appagare le proprie voglie).
La mamme di strunze sta sémbe préne.
La mamma dello stronzo è sempre in cinta.
Mégghie a rebbà a le pecceninne c'a sta a soggétte a tté.
Meglio andare a rubare ai bambini che essere soggetto a te.
Non déne tazze e bbéve cafè.
Non ha tazze e beve caffè.
Non déne tazze e tténe piattine.
Non ha tazze e ha piattini (per chi fa sfoggio di cose costose quando non ha quelle fondamentali).
Picche, maleditte e ssubete.
Poco, maledetto e subito.
Oggn'e ppile scétte nu grite.
Ogni pelo lancia un grido (quando uno lavora poco, pur non avendo fatto gran ché, cerca di far rivalere il poco fatto).
Pure le cecate canosscene le terrise.
Pure i cechi conoscono i soldi.
Addò tténe l'ecchie, téne le mane.
Dove ha gli occhi, ha le mani (detto di chi non si limita a guardare, ma tocca anche quello che non deve).
"Ué?"...se disce a le malate.
"Vuoi?"..si dice ai malati (è buona creanza porgere il cibo all'altro piuttosto che chiedergli se lo desidera).
Buéne sine, ma fésse none.
Buono si, ma fesso no.
Ci và p'avé grazzie, iave gestizzie.
Chi va per avere grazia, ha giustizia.
La fertune ié amande de le fìisse.
La fortuna è amante dei fessi.
Ci fasce male iave bbéne, ci fasce bbéne iave péne.
Chi fa male ha bene, chi fa bene ha pene.
U-acìidde pisce e u cule iave mazzate.
Il pisellino (del bambino) fa la pipì (a letto) e il sedere è picchiato.
U tìimbe ié galandome.
Il tempo è galantuomo.

Etichette: , , , , , , ,

7Comments:

Anonymous Anonimo said...

ciao capocomitiva, una richiesta:
dove posso trovare l'audio del detto: "tu de sta', ye me stogg, tu non mu cirke e ye non tu dogg"?
grazie un saluto
stefano da madrid

2/11/08 22:52

 
Blogger il Capocomitiva said...

Caro stefano lo sai che mi sa che stavolta non ti posso accontentare???Mi sa proprio di non saper dove indirizzarti, mi spiace.
Se trovo qualcosa comunque ti prometto che ti faccio sapere. Ciao, anzi, ADIOS CHICO.

2/11/08 22:58

 
Anonymous Anonimo said...

cerco aiuto, sapete dirmi da dove deriva l'espressione in dialetto barese "arann arann"andare arando arando per dire andare attorno attorno? Secondo me è un'anglofonia da around around, ke ne dite? Urge certezza. Grazie.

7/7/09 16:24

 
Blogger il Capocomitiva said...

Caro anonimo cerchero' di trovare la giusta risposta al tuo quesito davvero carino.
Vedro' di chiedere a qualche "addetto ai lavori"....Ciaaa

8/7/09 20:10

 
Anonymous SM said...

Vedo solo ora questo post e non mi era mai passato per la testa di unirmi ad un blog, ma è veramente incredibile!
Non avete mai visto un contadino arare?
Il contadino quando ara gira intorno al campo seguendo una spirale!

14/6/10 01:53

 
Blogger il Capocomitiva said...

Bhe in effetti quale migliore definizione avresti mai potuto dare!?Ti ringrazio caro SM della tua risposta. A presto.

14/6/10 13:02

 
Anonymous Anonimo said...

Ciao il Capocomitiva..vorrei sapere se tu mi puoi aiutare sul rito ché si diceva 40 anni fa'dopo il segno della croce sul pane.prima di consegnarlo al fornaio. Grazie

1/3/15 15:24

 

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

 
Il Capocomitiva di Bari - Il Blog dove troverai tutto sulla Citt���� di Bari, Sergio & Friends
####Buon Divertimento - Blog di Sergio il Capocomitiva di Bari####