Il Capocomitiva di Bari

Benvenuti, questo è il mio primo "BLOG". Per quanti di voi che abbiano intenzione di conoscere attualità, cronaca, divertimenti e tradizioni della città di Bari e non solo. Potrete fare due chiacchiere con me lasciando i vostri commenti o consigli in maniera seria ed io saro' felice di rispondervi. Buon divertimento Amici miei. Un saluto da Sergio "Il Capocomitiva". P.s.: Per la realizzazione di questo Blog nessun pugliese è stato maltrattato......

21 aprile 2007

Canosa di Puglia

Gentili ospiti, oggi parliamo di una delle piu' antiche e belle cittadine appartenenti alla provincia barese: Canosa di Puglia.
La città è situata a circa 80 km a nord dal capoluogo, raggiungibile tramite autostrada proveniendo praticamente da qualsiasi latitudine di Italia.Canosa, come già indicato, è una città di origine antichissima la cui fondazione, secondo la leggenda, sarebbe avvenuta ad opera dell'eroe greco Diomede. Di sicuro si sa che le prime colonizzazioni di questo luogo risalgono al periodo del Neolitico (circa 6.000-3.000 a.C.) e si riferiscono probabilmente agli spostamenti di piccoli gruppi di popolazioni dediti principalmente alla pastorizia;notizie certamente piu' complete sono quelle inerenti la "necropoli del Pozzillo", un vasto campo di urne dell'età del bronzo (1.800-1.200 a.C.). Verso la fine del XII sec. a.C., con l'arrivo di popolazioni provenienti dai Balcani, gli Illirii, determina la nascita della civiltà iapigia (è proprio ai japigi - suddivisi in messapi e apuli - che si deve l'origine del nome Puglia o Apulia) successivamente differenziatasi in tre ambiti geografici e culturali: la Daunia (parte settentrionale della regione), la Peucetia (quella centrale) e la Messapia (quella meridionale). Nel corso del VII sec. a.C., l'antica Canosa si afferma economicamente e politicamente grazie all'impegno sostanziale di alcune famiglie; si puo' osservare, infatti, in questo periodo, il nuovo assetto che si manifesta nella creazione di impianti produttivi e di strutture edilizie particolarmente curate, come per l'insediamento di "Toppicelli", ma soprattutto in un'ingente serie di deposizioni funerarie che vanno dalle semplici tombe a fossa alle piu' ricercate tombe a grotticella. L'ulteriore avanzamento, per l'intraprendente classe aristocratica canosina, avviene con l'apertura al mondo ellenico, in un primo momento con la mediazione delle colonie magnogreche di Metaponto e di Taranto, poi, a partire dal IV sec. a. C. e dopo la caduta di Taranto, grazie a una rete sempre piu' fitta di rapporti commerciali, direttamente con i maggiori centri della cultura ellenistica. A questo periodo attiene la meravigliosa fioritura della società dei "principes", come documenta l'arredo architettonico delle poche dimore terrene individuate e soprattutto la sontuosita' degli ipogei con i loro corredi di armi, di ceramica a figure rosse, di vasi a decorazione plastica e policroma e di manufatti aurei di incomparabile ricercatezza, segno del prestigio e dell'egemonia raggiunta nella comunita' cittadina. Quando nel 318 a.C. l'espansione romana raggiunge Canosa, da tempo citta-stato indipendente, la ricca e potente classe aristocratica locale fa da deterrente ad uno scontro aperto con Roma e determina la stipula di un trattato di alleanza tra le due città. Cosi', nonostante la colonnizzazione da parte dell'"impero romano" del territorio, Canosa conserva la sua autonomia e la sua grandissima importanza strategica e commerciale.Tantissime sono le località che potete visitare se andate in questa bella città e vari sono i percorsi turistici che si possono scegliere a seconda appunto che siate interessati o meno ad un certo periodo storico: il percorso paleocristiano (Scavi di San Pietro, basilica di san Leucio, battistero di San Giovanni ed il museo civico) , il percorso dauno (ipogeo del Cerbero, dell'Oplita, Lagrasta, Materisi-Rossignoli, Boccaforno, Palazzo Sinesi), il percorso romano imperiale (ponte romano, mausoleo Bagnoli, arco Traiano, tempio di Giove toro, terme Lomuscio, anfiteatro, muro di cinta, torre Casieri, mausoleo Barbarossa, epigrafe romana), il percorso bizantino medioevale (cattedrale di San Sabino, mausoleo Boemondo, castello, basilica di Santa Sofia). Una ciliegina sulla torta. Qui a Canosa di Puglia è nato il bravissimo attore pugliese Lino Banfi (al secolo Pasquale Zagaria, classe 1936), il quale da sempre ha portato non poco lustro alla bella citta facendola conoscere attraverso i suoi stupendi film e spettacoli davvero in ogni parte del mondo.
Arrivederci a tutti!!!
Foto by: www.canosadipuglia.org . Note di storia by: www.canusium.it .
Foto attore by: www.estense.com

Etichette: , , , , , ,

0Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

 
Il Capocomitiva di Bari - Il Blog dove troverai tutto sulla Citt���� di Bari, Sergio & Friends
####Buon Divertimento - Blog di Sergio il Capocomitiva di Bari####