Il Capocomitiva di Bari

Benvenuti, questo è il mio primo "BLOG". Per quanti di voi che abbiano intenzione di conoscere attualità, cronaca, divertimenti e tradizioni della città di Bari e non solo. Potrete fare due chiacchiere con me lasciando i vostri commenti o consigli in maniera seria ed io saro' felice di rispondervi. Buon divertimento Amici miei. Un saluto da Sergio "Il Capocomitiva". P.s.: Per la realizzazione di questo Blog nessun pugliese è stato maltrattato......

20 settembre 2009

MOSTRA "TRASLATIO SANCTI NICOLAI"

Dal sito del Comune di Bari trascrivo il segunte articolo stampa:

""MOSTRA "TRASLATIO SANCTI NICOLAI"

Duemila miglia in barca a vela, dal capoluogo pugliese alla città turca di Myra, sulle orme dei 62 marinai che portarono a Bari, nell’anno 1087, le reliquie di San Nicola: da questo incredibile viaggio, durato 40 giorni nella scorsa primavera, dominato da onde, vento, luci e colori magnifici, nasce “Traslatio Sancti Nicolai”, la mostra fotografica di Vincenzo Catalano, in programma da lunedì 14 settembre (e fino al 30)
nella sala Murat di Bari.

Centosettantasei scatti, tradotti in quadri dalle forti immagini, che ben trasmetteranno al visitatore quelle tonalità mediterranee che apparvero agli occhi dei marinai, nelle tappe di un viaggio tra passato e presente, nella natura selvaggia degli isolotti Grecia e della Turchia sui quali i naviganti si fermarono, incerti del proprio futuro.

L’evento è stato presentato il 10 settembre a Palazzo di Città dal sindaco di Bari Michele Emiliano alla presenza del vicesindaco Alfonso Pisicchio, del capo di Gabinetto Antonella Rinella, del priore della Basilica di San Nicola padre Damiano Bova, dello storico nicolaiano padre Gerardo Cioffari e del presidente della Circoscrizione San Nicola-Murat, Mario Ferorelli.

L’idea di questo viaggio - hanno spiegato Vincenzo Catalano e la giornalista Enrica Simonetti che lo ha accompagnato nell’avventura - era di ripercorrere, 922 anni dopo, la mirabile impresa compiuta dai marinai baresi, a bordo di una piccola imbarcazione, chiamata ‘Ideadue’.

Ma non veleggiando sulle comode rotte delle navi moderne, bensì seguendo esattamente il lungo e faticoso percorso dei 62 marinai: nel 1087 non esisteva il canale di Corinto, e per ritornare in Puglia dall’Oriente si dovevano toccare le isole del Dodecaneso, doppiando tutti i capi della Grecia meridionale, risalendo poi lungo l’Adriatico. Un percorso quindi costellato di luoghi nicolaiani sospesi tra cielo e mare, tra alba e tramonto, ma che diventano simbolici ponti tra religioni e popoli diversi.

“Il viaggio - ha spiegato ancora Catalano - ha toccato isole dove San Nicola accoglieva i pellegrini che si recavano in Terra Santa, o che da lì tornavano, e dove la devozione verso il santo è davvero forte. Una di queste, l’isola di San Nicola, è al confine tra le Cicladi meridionali e la Turchia. E dai miei scatti emerge che la traslazione è davvero avvenuta, è passata da questi luoghi, è storia e non solo tradizione”.

Il sindaco di Bari, Michele Emiliano, ha ricordato che “San Nicola ci insegna che le relazioni, l’amicizia e l’amore verso il prossimo sono il collante che fortifica una comunità, una città, e la tiene unita. Anche se l’arrivo delle ossa del santo crearono in città aspre tensioni e diatribe politiche, alla fine i baresi sono rimasti uniti attorno alla loro identità nel nome della sua straordinaria figura. E l’aver fissato l’apertura del Teatro Petruzzelli proprio per il 6 dicembre prossimo, nella giornata a lui dedicata, significa che Bari, nei momenti importanti, fa riferimento proprio al Vescovo di Myra e Patrono della città”.

Il primo cittadino ha quindi chiesto al priore della Basilica, padre Bova di dedicare alla gloria del santo la prima della stagione lirica del Politeama barese, come si usa a Milano, per la prima del teatro della Scala il 7 dicembre, festa di Sant’Ambrogio.

Padre Bova, infine, ha parlato della traslazione come di un “evento provvidenziale, che ha sottratto le spoglie ai marinai veneziani: cosi il mito di San Nicola è diventato storia, che tutti i baresi potranno conoscere”."""
_________________
Cio' che spesso il turista o anche il semplice cittadino barese non conosce è una parte della storia del Santo Patrono di Bari, San Nicola, relativamente alla traslazione delle ossa del citato Santo dalla Turchia al capoluogo pugliese.
Come avete potuto leggere nel suindicato articolo, è stata ricreata una bellissima mostra fotografica che ricostruisce sotto tantissime forme e colori questa memorabile impresa compiuta dai 62 marinai baresi nel lontanissimo anno 1087. Una serie di immagini davvero belle ed esclusive che attirano l'occhio del visitatore e lo catapultano automaticamente in un'epoca di storia nostrana costernata da continue guerre di potere, battaglie di confini e lotte per la conquista di terre lontane. Un'epoca importante che ha coinvolto direttamente la città di Bari, la sua gente, il suo popolo, da sempre pronto a difendere a spada tratta l'onore e l'immagine del Vescovo di Myra.
Cari amici, quindi, se ne avete la possibilità ed il tempo, venite in città e fate un bel giro in centro, dove, fino al 3o settembre 2009, sarà presente questa bellissima mostra fotografica e dove, altresi', potrete ammirare da vicino una perfetta ricostruzione, in scala reale, di una caravella adoperata proprio per la traslazione delle ossa del Santo Patrono di Bari, il Grande e famosissimo San Nicola. Da non perdere assolutamente.
Info by: www.comune.bari.it
Immagine by: http://fldbari.blogspot.com/

Etichette: , , , , , , , , , , , ,

0Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

 
Il Capocomitiva di Bari - Il Blog dove troverai tutto sulla Citt���� di Bari, Sergio & Friends
####Buon Divertimento - Blog di Sergio il Capocomitiva di Bari####